Pets 2 – vita da animali

SPETTACOLI dal 17 al 19 giugno
CINEMA ESPERIA - Via Roma, 25, 06083 Bastia Umbra, Italia - Tel. 340 521 4937
lunedì 17
  • CHIUSURA SETTIMANALE
martedì 18
  • 18:30
mercoledì 19
  • 18:30
Pets 2 – vita da animali
Le vite emotive dei nostri amici a quattro zampe, il profondo rapporto che li lega alle loro amorevoli famiglie.
Pets 2 – vita da animali
(The secret life of pets 2)
Regia: Chris Renaud
Cast:
Genere: animazione
Durata: 86 min. - colore
Produzione: USA (2109)
Distribuzione: Universal Pictures
VEDI
TRAILER

La sua padrona si è sposata e ha avuto un figlio e il cane Max si ritrova improvvisamente ansioso, vittima della sindrome del genitore iper apprensivo, e torturato per questo da un prurito psicosomatico. Quale miglior cura di un soggiorno in campagna? Nel frattempo, a New York, a presidiare il quartiere e il pupazzetto preferito di Max, restano Gidget, che imparerà a fingersi un gatto per affrontare la moltitudine di felini di una vecchia del palazzo, e il coniglio Nevosetto, che avrà modo di soddisfare la sua sete di avventura liberando un cucciolo di tigre dalla gabbia di un losco direttore di circo.

Come e dove convoleranno insieme queste tre linee narrative, apparentemente non comunicanti tra loro, è la domanda di Pets 2. La risposta giunge all’ultimo, ma è confezionata coi fiocchi e manda tutti a casa felici e contenti.

Nel mentre, il film di Chris Renaud lavora su vari livelli: dalla comicità degli animali travolti da problematiche tipicamente umane, al gioco sui generi cinematografici – assalto al treno, racconto di formazione, super-hero movie e gangster movie- al doppio gioco (anche di marketing) del citarsi addosso.

La filmografia della Illumination Entertainment è, infatti, il personaggio nascosto di Pets 2 , tanto che ci si può divertire a riconoscere il parallelo grafico tra la scena di Max nella sala d’aspetto dello psicologo per animali domestici e quella di Cattivissimo me con Gru al centro delle madri in attesa della fine della lezione di danza, o i tratti della madre di Gru dietro la vecchia gattara, di bassa statura e alto potenziale umoristico, o più di una citazione da Sing, per esempio nel personaggio di Nuvoletto, che vive dentro un’immagine alternativa di sé, proprio come il topo Mike, che si atteggiava a Frank Sinatra.