AFTER 2

SPETTACOLI dal 18 al 20 settembre
CINEMA ESPERIA - Via Roma, 25, 06083 Bastia Umbra, Italia - Tel. 340 521 4937
venerdì 18
  • 18:30
  • 21:15
sabato 19
  • 18:30
  • 21:15
domenica 20
  • 18:30
  • 21:15
AFTER 2
UN SEQUEL CHE NON TRADISCE LO SPIRITO DEI ROMANZI
AFTER 2
(After We Collided)
Regia: Roger Kumble
Cast: Josephine Langford, Hero Fiennes-Tiffin, Dylan Sprouse, Selma Blair, Charlie Weber
Genere: Drammatico
Durata: 105 min. - colore
Produzione: USA (2020)
Distribuzione: 01 Distribution
VEDI
TRAILER

Tessa ha ottenuto uno stage presso un’importante casa editrice dove attira subito l’attenzione dell’editore sul versante professionale e del suo giovane assistente in altra misura. Intanto Hardin cerca al contempo di dimenticarla e di ritrovarla riuscendo nella seconda impresa e dando così il via di nuovo a un rapporto un po’ più maturo ma sempre complesso.

Va riconosciuto a questo film il pregio di tentare (con buone prospettive di riuscita) il ritorno nelle sale cinematografiche di quel pubblico giovane che era stato costretto a casa dal Covid e che sembrava inevitabilmente (ed ineluttabilmente?) ormai attratto dalla visione at home su schermi più o meno grandi.

Nella premessa/sintesi della puntata precedente, affidata questa volta ad Hardin, si mettono le mani avanti chiarendo alcuni tra i tanti debiti narrativi dei romanzi e della conseguente sceneggiatura di Anna Todd ammettendo che si tratta di deja vu reinterpretati alla luce della contemporaneità. Si dimentica di citare, ma siamo in America, il feuilleton, il romanzo popolare europeo a puntate che nell’800 sosteneva la vendita dei quotidiani e si nutriva di continui colpi di scena.

Tessa e Hardin continuano a prendersi e lasciarsi con le varianti oggi necessarie. Cioè product placement diffusi, legami con le figure genitoriali complessi per motivi vari e, soprattutto, rapporti sessuali inquadrati con equilibrismi tali da evitare la seppur vaga visione di un seno o di un organo sessuale. Si diceva di una progressiva acquisizione di maturità che, come accade spesso anche nella realtà, favorisce più lei che non lui non foss’altro per l’ingresso nel mondo del lavoro.